Seguici sui social

Tecnologia

Benefici dell'assistente di intelligenza artificiale

Pubblicato

on

Gli assistenti di intelligenza artificiale sono in genere programmi basati su cloud che richiedono dispositivi e / o applicazioni connessi a Internet per funzionare. Tre di queste applicazioni sono Siri su dispositivi Apple, Cortana su dispositivi Microsoft e Google Assistant su dispositivi Android.

Ci sono anche dispositivi dedicati a fornire assistenza virtuale. I più popolari sono disponibili su Amazon, Google e Microsoft. Per utilizzare l'Assistente virtuale Amazon Echo, chiamato Alexa, gli utenti chiamano la parola sveglia "Alexa". Una luce sul dispositivo segnala all'utente che è pronto a ricevere un comando, che in genere comporta semplici richieste linguistiche, come "che tempo fa oggi" o "riproduci musica pop". Tali richieste vengono elaborate e archiviate nel cloud di Amazon.

Le tecnologie che alimentano gli assistenti virtuali richiedono enormi quantità di dati, che alimentano piattaforme di intelligenza artificiale (AI), tra cui piattaforme di apprendimento automatico, elaborazione del linguaggio naturale e riconoscimento vocale.

Mentre l'utente finale interagisce con un assistente virtuale, la programmazione AI utilizza un sofisticato algoritmo per apprendere dall'immissione dei dati e migliorare nel prevedere le esigenze dell'utente finale.

Gli assistenti virtuali eseguono in genere semplici lavori per gli utenti finali, come l'aggiunta di attività a un calendario; fornire informazioni che verrebbero normalmente ricercate in un browser Web; o controllare e verificare lo stato dei dispositivi delle case intelligenti, tra cui luci, telecamere e termostati.

Gli utenti affidano inoltre agli assistenti virtuali di effettuare e ricevere chiamate telefoniche, creare messaggi di testo, ottenere indicazioni stradali, ascoltare notizie e bollettini meteorologici, trovare hotel o ristoranti, controllare le prenotazioni dei voli, ascoltare musica o giocare.

Alcuni consumatori hanno espresso preoccupazioni sulla privacy degli assistenti virtuali, come Amazon Alexa e Google Home, perché questi assistenti virtuali richiedono grandi quantità di dati personali e sono sempre in "ascolto" per rispondere ai comandi vocali. Gli assistenti virtuali mantengono quindi le interazioni vocali e le informazioni personali per migliorare l'esperienza dell'utente.

Cortana, ad esempio, funziona in modo ottimale utilizzando i dati del dispositivo di un utente, inclusi e-mail e altre comunicazioni, contatti di un utente, dati sulla posizione, cronologia delle ricerche e dati di altri servizi Microsoft e applicazioni di terzi con cui gli utenti scelgono di connettersi.

Gli utenti possono scegliere di non accedere e condividere questi dati con Cortana e regolare le autorizzazioni per impedire la raccolta di determinati dati, sebbene queste azioni limitino l'utilità dell'assistente virtuale.

I fornitori di assistenti virtuali mantengono anche politiche sulla privacy, che definiscono il modo in cui ciascuna società utilizza e condivide le informazioni personali. Nella maggior parte dei casi, le aziende non condividono informazioni identificabili dal cliente senza il consenso del cliente.

ʜɪ ɪ'ᴍ ᴘʀᴀᴊᴡᴀʟ sᴇʟᴏᴋᴀʀ. ᴀ ɢᴜʏ ᴏɴ ᴛʜᴇ ᴊᴏᴜʀɴᴇʏ ᴏғ ғɪɴᴅɪɴɢ ʜɪs ᴘᴀssɪᴏɴ .ɪ ᴀᴍ ᴇxᴘʟᴏʀɪɴɢ ᴀs ᴍᴀɴʏ ғɪᴇʟᴅ ᴀs ᴘᴏssɪʙʟᴇ ᴛᴏ ɢᴇᴛ ᴍʏ ᴏɴᴇ ᴀɴᴅ ᴡʜᴀᴛᴇᴠᴇʀ ɪ ʟᴇᴀʀɴ ɪ sʜᴀʀᴇ ɪᴛ ᴡɪᴛʜ ᴘᴇᴏᴘʟᴇ ᴛʜʀᴏᴜɢʜ sᴏᴄɪᴀʟ ᴍᴇᴅɪᴀ ᴘʟᴀᴛғᴏʀᴍs. ɪ ᴀᴍ ʜᴜsᴛʟɪɴɢ ʜᴀʀᴅ ᴛᴏ ᴍᴀᴋᴇ ᴍʏ ᴏᴡɴ ᴅᴇsᴛɪɴʏ

pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending